gio 27 Set 2007 Scritto da Pierinux 4 COMMENTI

Free Burma!

birmania_small1.jpg

Le immagini che giungono dalla Birmania sono tali da interpellarci nella nostra più autentica umanità.

La rivolta contro un regime dispotico e brutale, guidata dalla forza della fede e dalla determinazione pacifica e coraggiosa di tutto un popolo: tutto ciò, trasmesso attraverso i giornali, le televisioni e internet in tutto il mondo, rende ben visibile il senso profondo della nonviolenza, ma anche fa temere un grave bagno di sangue.

Per riflettere e meditare su quanto avviene, e per testimoniare la vicinanza e la solidarietà con i monaci e col popolo birmano, proponiamo per domani 27 settembre alle ore 20,30 un incontro pubblico a Torino, presso il chiostro della Consolata in via Maria Adelaide 2.

  • Elvio Arancio, della Confraternita islamica sufi Jerrahi-Halveti, direttore editoriale di ‘Interdipendenza’;
  • Sarah Kaminski, dell’Università di Torino, consigliere della Comunità Ebraica di Torino;
  • Angela Lano, giornalista, collaboratrice di Repubblica e di altre testate;
  • Giuseppe Platone, pastore valdese, direttore di Riforma;
  • Bruno Portigliatti, presidente onorario dell’Unione Buddhista Europea;
  • Marco Scarnera, della Pastorale della Cultura dell’Arcidiocesi di Torino;
  • D. Ermis Segatti, referente per la Pastorale della Cultura dell’Arcidiocesi di Torino;
  • Claudio Torrero, co-presidente del Centro Studi Maitri Buddha, direttore responsabile di ‘Interdipendenza’

www.interdependence.it

dscn4851_small.jpg
Nessun tag per questo post.

4 commenti

  1. Pierinux ha detto:

    Tratto da repubblica.it

    Un messaggio sta circolando in queste ore per sms e sui blog
    per chiedere a tutti un segno di solidarietà per i monaci buddisti
    Una maglietta rossa per la Birmania
    “In tutto il mondo, venerdì 28”.

    ROMA – Una maglietta o un nastro rosso in sostegno della Birmania. E’ la parola
    d’ordine che corre sui blog e sui cellulari, una catena di sms per un gesto di
    solidarietà a favore dei monaci buddisti e del popolo birmano.

    Questo è l’invito che sta circolando in queste ore via sms: “In support of our
    incredibly brave friends in Burma: may all people around the world wear a red shirt
    on Friday, September 28. Please forward!” (a sostegno dei nostri amici
    incredibilmente coraggiosi in Birmania: venerdì 28 settembre indossiamo tutti
    quanti, in tutto il mondo, una maglietta rossa).

    Un testo analogo in lingua italiana circola anche nei blog: “Venerdì 28 settembre
    indossiamo una maglia rossa. Chiunque legga questo messaggio lo trasmetta a quante
    più persone sensibili a questo gravissimo problema gli sarà possibile. GRAZIE DI
    CUORE”.

    Mentre gli studenti delle scuole superiori fiorentine che stamattina hanno
    partecipato all’iniziativa “La stazione delle idee” alla stazione Leopolda di
    Firenze hanno adottato un nastro rosso, ocra, giallo o rosa come segno di
    solidarietà per la Birmania. Un nastro verrà consegnato questo pomeriggio dagli
    studenti anche al ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni, che
    interverrà alla manifestazione.

    La sezione italiana di Amnesty International, con l’obiettivo di mobilitare opinione
    pubblica e governi, ha indetto due sit-in a Roma e a Milano e ha lanciato un appello
    on line in favore di un gruppo di parlamentari, monaci e artisti arrestati nelle
    ultime ore a Yangon, a Mandalay e in altri centri del paese.

    I sit-in – si legge in una nota dell’organizzazione – si svolgeranno domani a Roma
    (dalle 17.30 di fronte all’ambasciata del Myanmar, in via della Camilluccia 551) e
    sabato a Milano (dalle 16.30 in piazza della Scala).

    (27 settembre 2007)

  2. Pierinux ha detto:

    Ci scrive un amico:

    Sono passati 8 mesi dal mio viaggio in Birmania con i miei colleghi claun…
    sono 8 mesi e non passa giorno che non legga giornali o guardi la tv alla ricerca di buone notizie, o perlomeno notizie di un paese isolato nel e dal mondo..
    sono 8 mesi e non passa giorno che non pensi a quel popolo, semplice, povero, mite, schiacciato…
    sono 8 mesi e non passa giorno che ne parli con qualcuno…
    sono 8 mesi che parte del mio cuore è laggiù, ai bimbi, alle suore, ai monaci…

    Domani spero che indosseremo tutti un drappo o un maglietta rossa, in segno di solidarietà verso questo popolo, che stanco come non mai è sceso in piazza.

    Domenica scorsa, quando ho visto una delle prime foto apparse sulle pagine dei giornali (i monaci in marcia) mi è venuta una profonda commozione. C’è speranza…..ma c’è anche tanta paura, perchè nei quindici giorni trascorsi laggiù ho toccato con mano la malvagia del governo.

    Vi invito a rimanere stretti intorno alla scelta coraggiosa dei monaci, con delle preghiere o dei pensieri di “libertà”!!!!

    Siamo riusciti a contattare la madre generale, che per telefonare è andata in Thailandia. Le linee telefoniche locali sono chiuse, così come le tv. I 300 bimbi che sosteniamo stanno bene, ma c’è molta paura per le ritorsioni che la polizia segreta compie continuamente.

    Hanno speranza, perchè sanno di avere gli occhi del mondo addosso ma non facciamo venir meno la nostra solidarietà!!

    Grazie a tutti

    Fabio

  1. […] 108. La Stella Del Mattino – Ambito Cristiano: A Fianco dei Monaci e del popolo Birmano (post e fascetta) […]

  2. […] 108. La Stella Del Mattino – Ambito Cristiano: A Fianco dei Monaci e del popolo Birmano (post e fascetta) […]

Lascia una risposta

Devi essere autenticato per aggiungere un commento.

Chi siamo

VANGELO E ZEN - associazione culturale
Luciano Mazzocchi sx via Achille Grandi, 41 20832 - DESIO MB T. 0362.300350/338.1011101
E' una comunità di dialogo fra cristianesimo e buddismo che si fonda sulla certezza che il valore custodito dallo Zen e il valore annunciato dal Vangelo si illuminano e si ravvivano a vicenda, senza pregiudizi.

Webmaster: piero@vangeloezen.org

Cliccare per vedere come arrivare alla sede della comunità.

Commenti recenti