mer 29 Dic 2010 Scritto da Pierinux AGGIUNGI COMMENTO

di Marco Politi
in “il Fatto Quotidiano” del 28 dicembre 2010

Per Natale il cardinale Ruini porta la buona novella che la “stabilità è un bene”. Sottinteso: i cattolici dell’Udc appoggino Berlusconi. La cometa indica un governo per le riforme.

Colpisce nell’ampia intervista del cardinale, apparsa sul Corriere della Sera, l’impronta tutta politica senza il minimo guizzo di un’ispirazione proveniente dall’annuncio evangelico di un Dio, incarnato per portare all’umanità il messaggio delle Beatitudini. Un messaggio inquieto, che non lascia le cose al loro posto ma sovverte tutto ciò che è ingiusto, disumano, dis-amore.

Spiega il cardinale, di nuovo molto ascoltato da Benedetto XVI, che quanto dice la Chiesa spesso è controcorrente. Non lo si avverte nei suoi input politici. La stabilità è auspicata per un governo che, con la maggioranza più schiacciante della storia repubblicana, non ha messo mano alla ricostruzione de L’Aquila, non ha avviato misure contro la disoccupazione, lascia alla deriva le famiglie, ignora il dilagante precariato che devasta le giovani generazioni.

In questa Italia che marcisce, che si sfascia sotto i colpi di un federalismo raffazzonato ed egoista, in cui (come avverte De Rita) sono morti i desideri, l’ex presidente della Cei non invita ad allargare l’orizzonte, a superare una leadership inefficiente e immorale. Non ricorda – lo fa papa Ratzinger nell’enciclica Deus Caritas Est – che per sant’Agostino uno Stato non retto secondo giustizia “si ridurrebbe a una grande banda di ladri” (molto si è già fatto nell’era berlusconiana). No. Il cardinale si augura che ognuno contribuisca a questa stabilità, “che è un bene per il Paese”.

In questo patto ecclesiastico con l’Esistente non risuona la grande tradizione cattolico democratica di De Gasperi e di Sturzo, che ben altre scosse sapevano imprimere al Paese per aiutarlo a risollevarsi. Ritorna, però, il mantra che non ha senso parlare di berlusconismo o antiberlusconismo e meno che mai “dare giudizi sui comportamenti privati di singole persone”.

Avesse proclamato che non era giusto esprimersi sulla moralità di Erode, San Giovanni avrebbe ancora la testa al suo posto. Ma eravamo agli inizi dei Vangeli.

Nessun tag per questo post.

Lascia una risposta

Devi essere autenticato per aggiungere un commento.

Chi siamo

VANGELO E ZEN - associazione culturale
Luciano Mazzocchi sx via Achille Grandi, 41 20832 - DESIO MB T. 0362.300350/338.1011101
E' una comunità di dialogo fra cristianesimo e buddismo che si fonda sulla certezza che il valore custodito dallo Zen e il valore annunciato dal Vangelo si illuminano e si ravvivano a vicenda, senza pregiudizi.

Webmaster: piero@vangeloezen.org

Cliccare per vedere come arrivare alla sede della comunità.

Commenti recenti