• Sublime normalità

    “Il regno di Dio è in mezzo a voi” (Lc 17, 21) Ho partecipato on line – eppure cuore a cuore – all’Eucaristia di riconoscenza e di augurio di pace per l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci. Altrove e altrimenti, la stessa venerazione...

  • Andare fino in fondo e, a mani vuote,…

    Un curioso ricordo. Anni 1955-60, secondo una secolare tradizione nel Seminario Vescovile di Parma i giovani seminaristi, tra loro il sottoscritto, anche quando giocavano al pallone, indossavano la talare. Questa, la cosiddetta veste da prete, aveva 33 bottoni e, ovviamente, altrettante asole. Forse...

  • Il potente conforto della lettura

    Una bella notizia annunciata dai telegiornali di questi giorni è che nella pausa imposta dal covid molti hanno scoperto il potente conforto della lettura. Fu anche la mia scoperta. Una lettura che mi sta dando particolare emozione e conforto è quella della “Storia del Cristianesimo”...

  • 10 gennaio, domenica

    Carissimi, rinnovando il reciproco augurio-preghiera per il cammino che ci attende nell’anno appena iniziato, informo che l’incontro domenicale di Zazen ed Eucaristia di domenica 10 gennaio presso la casa dei Missionai Saveriani a Desio, annunciato nell’ultima lettera inviata il 5...

La stella del mattino – cammino religioso Vangelo e Zen Milano, Avvento 2020 Barra e Ponticelli sono due quartieri in zona sud-est della città metropolitana di Napoli, dove l’ordine pubblico è stato più volte ferito dalla camorra. Alcune “Suore delle poverelle” di Bergamo da decenni hanno fissato la loro dimora nel rione...

Domenica 29 novembre il momento dello Zazen Il fiore di loto distende i suoi delicatissimi petali al pelo dell’acqua dello stagno. Nella corrente dei ruscelli di montagna non può fiorire. Il suo humus è l’umiltà del fango e la compagnia degli insetti. “Nel simbolismo buddhista, il significato più importante del loto...

Sabato 28 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Kaneko Misuzu fu una poetessa giapponese che visse solo 27 anni (1903 – 1930). Mamma di una bambina, il marito violento divorziò e le sottrasse la figlia che amava moltissimo. Passò gli ultimi anni della vita a comporre poesie per la sua bambina che non poteva vedere. (cfr....

Venerdì 27 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Vedo i bambini giocare allegramente, non mi è possibile frenare le lacrime che scendono abbondanti. Giorni di foschia, in questa primavera; passo il tempo giocando a palla coi bambini. da “Poesie di Ryŏkan” (La vita felice) Una parete separa il caseggiato...

Giovedì 26 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Di notte, nel silenzio della capanna, suono l’arpa che non ha corde.La sua melodia sale al cielo col vento la sua musica si unisce a quella del torrente; risuona nell’intera vallata, mormora nelle foreste e nelle montagne. Se uno non chiude gli orecchi, non può...

Mercoledì 25 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Alla fine di “Genjokoan – Divenire l’essere” (EDB) Dogen descrive una simpatica scena. La riassumo con mie parole. Un maestro insegnava ai suoi discepoli che la natura del vento non ha né luoghi fissi né limiti, alludendo a che lo Zazen e il cammino...

Martedì 24 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Ricostruisco con mie parole un racconto zen letto in “101 storie zen” (Adelphi). Ryokan, eremita dello Zen, viveva nella più assoluta semplicità in una piccola capanna ai piedi della montagna. Una sera un ladro entrò ma non trovò niente da rubare. Al ladro...

Lunedì 23 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Anni 1220-30. Il giovane Eihei Dogen pellegrinando attraverso la Cina per trovare un luogo dove si conservasse il vero insegnamento di Buddha, incontrò un tenzo, ossia il cuoco di un monastero. E scoprì in quel cuoco il vero insegnamento che stava cercando tra monti, valli e...

Domenica 22 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Non so quanti inverni e quante primavere siano passati a quando sono venuto in questo luogo solitario. Mi nutro di erbe selvatiche e di riso offerto dai vicini. Sono contento di questa vita solitaria, sotto le piante. Quando torno a casa, mi siedo, o mi corico liberamente, senza...

Sabato 21 novembre il momento dello Zazen prima dello Zazen Da giovane lasciai inchiostro e pennello, desideroso di seguire la Via dei Saggi. Con una borraccia e una scodella, ho pellegrinato per molte primavere. Tornato nel paese natio, vivo solo, I pini e le querce mi forniscono la legna. Nella tranquillità e nella pace passerò...